Le credenze popolari sulla salute della vista
27 Dicembre 2019

Le credenze popolari sulla salute della vista

Le credenze popolari sulla salute della vista: quante volte è successo di ricevere dei moniti, in particolare da bambini, riguardo cose che non sarebbero da fare perché fanno male alla vista? C’è qualcosa di vero o sono solo credenze popolari, o magari semplici intimidazioni per non fare alcune cose? Facciamo un elenco!

Le credenze popolari sulla salute della vista

Le credenze popolari sulla salute della vista hanno varia natura, ce ne sono diverse e alcune di esse sono particolarmente “inquietanti”. Vediamole!

La prima riguarda gli starnuti: starnutire con gli occhi aperti provoca la fuoriuscita delle orbite. È pazzesca, ma si sente dire! Ebbene, è assolutamente falsa. Partiamo con una certezza: sfido chiunque a starnutire con gli occhi aperti: è impossibile! Inoltre, gli occhi non sono collegati al naso, sono assolutamente fissi, non può succedere che escano con uno starnuto. Il fatto di chiuderli quando si starnutisce è una reazione meccanica del corpo, ciò non significa che ci sia un collegamento.

Stare seduti troppo vicino al televisore provoca gli occhi quadrati. Anche questa è una credenza popolare. L’unica cosa vera è che lo schermo può danneggiare la vista, ma di certo non provoca la quadratura del cerchio! L’affaticamento oculare inoltre è soggettivo, chi più chi meno può soffrirne. È bene comunque mantenere la giusta distanza dagli schermi.

Le leggende popolari sulla vista

Altre leggende riguardano il cibo: mangiare carote fa vedere meglio al buio. Dunque, c’è una verità ma solo in parte: le carote sono consigliate per la salute degli occhi, sono un ottimo alimento per la vista, ma di certo non conferiscono alcun potere tipo la vista a raggi X o magari la visione notturna come quella delle telecamere. Insomma, mangiate carote, fanno bene alla vista, ma non otterrete alcun superpotere.

Leggere con poca luce danneggia la vista. In realtà, è l’affaticamento che potreste provare a darvi la giusta indicazione: se non provate alcuna fatica, senza sforzo, significa che avete luce a sufficienza. La misura è soggettiva, ma è semplice verificare quella giusta per voi: se le parole vi risultano offuscate, allora c’è poca luce. L’affaticamento è comunque temporaneo, non è un danno permanente, ma è consigliabile non protrarre l’abitudine e leggere in condizioni di luce sufficiente.

Venite a trovarci nei nostri centri ottici a Modena, Bomporto o Ravarino per consigli e suggerimenti sulle giuste abitudini per mantenere sana la vostra vista. Con un test optometrico visivo potrete misurare la vostra capacità visiva, e intervenire immediatamente in caso sia necessaria una correzione! Vi aspettiamo da GT OTTICA MODENA, gli specialisti della visione su misura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.