La cataratta
2 Marzo 2020

La cataratta: sintomi, cause e rimedi

La cataratta: vediamo quali sono i sintomi, le cause e i rimedi per questa diffusa patologia oculare. Intanto, di cosa si tratta?

La cataratta è un’opacizzazione della lente naturale contenuta negli occhi, che si trova tra l’iride e il corpo vitreo. Il problema insorge a causa di modifiche nella composizione chimica del cristallino, che riduce la sua trasparenza.

La cataratta: diffusione, cause e rimedi

La cataratta è una patologia che colpisce circa l’8,5% della popolazione tra i 70 e i 74 anni. La percentuale aumenta al 12,4% per chi ha più di 80 anni. Si tratta di una delle cause più diffuse della cecità e della ipovisione, che però in questo caso è solitamente reversibile.

La cataratta solitamente si manifesta con l’invecchiamento, ma può manifestarsi anche a seguito di traumi oculari, malattie oftalmiche o sistemiche come il diabete.

I sintomi e le cause

La patologia si sviluppa in modo graduale nel tempo, e talvolta può passare inosservata proprio perché la vista si deteriora in modo progressivo. Non comporta dolore, proprio per questo può essere deleteria e potrebbe condizionare la salute degli occhi in modo grave.

I sintomi più diffusi sono la visione offuscata oppure doppia, una maggiore sensibilità alla luce e la sensazione di abbagliamento. I colori si percepiscono in modo meno vivido, ed è possibile dover cambiare la gradazione degli occhiali più spesso. Quando la cataratta comincia ad essere avanzata, risulta più evidente in quanto la pupilla diventa di colore giallastro, fino al bianco.

La prima causa della cataratta è sicuramente l’invecchiamento, ma ci sono diversi tipi di questa patologia. Tutti sono dovuti ad una modificazione della composizione chimica del cristallino, ma le cause possono essere diverse. Ci sono anche traumi oculari, malattie degli occhi o sistemiche (come il diabete), e fattori ereditari o congeniti.

Ci può essere una predisposizione genetica: se in famiglia ci sono stati episodi di cataratta, il rischio è più elevato. Un trauma oculare come ferite agli occhi o altre patologie possono causare infiammazioni del cristallino, che si opacizza.

Anche lo stile di vita può influire: un consumo eccessivo di alcolici e una dieta povera di nutrienti indispensabili, oltre ad una eccessiva esposizione al sole, possono aumentare il rischio.

Quando la cataratta è ai primi stadi, non compromette le attività quotidiane in modo eccessivo; spesso è sufficiente l’utilizzo di occhiali specifici per compensare la mancanza. Con il peggioramento della patologia però possono verificarsi gravi impedimenti: ad esempio, guidare può risultare difficile e pericoloso.

La chirurgia

La soluzione è la chirurgia: una volta effettuati tutti gli esami preliminari, si andrà ad applicare una lente artificiale che andrà a sostituire il cristallino compromesso. Nel caso in cui entrambi gli occhi siano affetti da cataratta, i due interventi verranno effettuati separatamente per una migliore guarigione. L’intervento viene effettuato in day hospital, e i tempi di recupero solitamente sono brevi.

Già dopo poche ore dall’operazione l’occhio ritorna sensibile, ma ci vogliono un paio di settimane prima che la vista ritorni completamente. È consigliabile limitare le attività faticose, leggere, guidare e guardare la TV per qualche giorno dopo l’intervento, per un recupero migliore.

Possono verificarsi dei piccoli effetti collaterali post intervento come mal di testa o fastidi agli occhi. Questi sono normali, ma in caso fossero prolungati o acuti sarà bene consultare subito il medico.

L’intervento chirurgico alla cataratta è uno tra i più effettuati al mondo: all’anno, solo in Italia, ne vengono effettuati ben 500.000. Le attuali tecnologie hanno ridotto notevolmente il rischio, che in percentuale si valuta intorno allo 0,01%.

Il miglior consiglio è la prevenzione: una dieta e uno stile di vita sano, oltre a visite di controllo costanti, possono contribuire a ridurre notevolmente l’insorgenza della cataratta. Ti aspettiamo da GT OTTICA per consigli e suggerimenti: vieni a Modena, Bomporto e Ravarino per una visita di controllo. Buona visione a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.