Come capire i problemi oculari

Come capire i problemi oculari: i sintomi delle patologie che colpiscono gli occhi sono diversi in base al difetto che può affliggere l’occhio. Talvolta non si percepiscono immediatamente, sarà bene dunque effettuare delle visite di controllo programmate per verificare se gli occhi sono in salute, o se sta per insorgere un problema visivo.

La prevenzione è importante: visite programmate, un’alimentazione equilibrata e uno stile di vita sano sono fondamentali per la salute dell’organismo, e anche per gli occhi!

Come capire i problemi oculari: quando accadono

Come capire i problemi oculari. Ci sono alcuni difetti comuni, che si verificano per alcuni motivi in particolare: dai fattori genetici ad uno stile di vita che richiede molto tempo davanti ai dispositivi elettronici, poca vita all’aperto e ovviamente l’età.

La vita lavorativa ci costringe a passare molte ore di fronte ai dispositivi elettronici: PC, tablet, smartphone. La luce blu e le luci artificiali degli uffici possono stressare gli occhi, causando anche problemi accomodativi: facciamo fatica a focalizzare da vicino a lontano e viceversa, proprio per l’abitudine a visualizzare da vicino tali dispositivi.

Come già accennato, anche l’alimentazione è fondamentale, e spesso siamo costretti a pasti frugali e veloci, non proprio equilibrati. In questo caso, l’organismo non assume i nutrienti fondamentali che servono proprio per sostenere le funzioni visive. L’occhio si stressa ulteriormente, e possono verificarsi dei disturbi.

L’occhio sano si definisce emmetrope: in questo caso, la luce arriva correttamente alla retina e il cervello riceve un’immagine nitida. Le anomalie della visione si verificano quando ciò non accade correttamente.

Le anomalie della visione più diffuse

I disturbi visivi più comuni sono la miopia, l’ipermetropia, l’astigmatismo e la presbiopia. Tali disturbi possono colpire tutti, a qualunque età: bambini, ragazzi, adulti e persone anziane.

La miopia deriva da un occhio troppo lungo: ciò significa che la distanza tra la cornea e la retina è troppo grande, più della situazione normale. L’occhio ipermetrope è il contrario, è troppo corto: si forma l’immagine di un oggetto visto all’infinito dietro la retina.

L’astigmatismo è dovuto ad una errata curvatura della cornea, che generalmente è ovale invece che sferica. La presbiopia invece è normalmente dovuta all’età: il cristallino con l’avanzare del tempo perde la sua elasticità e la capacità di accomodamento, e l’occhio non riesce più a riprodurre un’immagine perfettamente nitida.

Ci sono altri disturbi della vista, meno comuni, considerati più patologie oculari come il glaucoma e la cataratta, che richiedono dei trattamenti o interventi chirurgici.

Alcuni consigli utili

La prevenzione prima di tutto: tenere sotto controllo la vista permette di agire in tempo utile per correggere i disturbi attraverso un dispositivo correttivo.

Inoltre, tenete alcune buone abitudini come proteggere gli occhi dai raggi solari attraverso gli occhiali da sole. Limitate i tempi di esposizione alla luce blu dei dispositivi, eventualmente utilizzando gli appositi occhiali per minimizzarne l’assorbimento.

Vi aspettiamo da GT OTTICA per consigli su come capire quando gli occhi hanno dei problemi, e per una visita di controllo: siamo a Modena, Bomporto e Ravarino. Buona visione a tutti!

Copywriter, Web Designer, scrittrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *