Prendersi cura della vista dei bambini

Prendersi cura della vista dei bambini non è immediato come sembra. Per questo motivo, una visita di controllo è necessaria anche in tenera età. In ogni caso, facendo attenzione ad alcuni segnali sarà possibile sapere se il bambino riscontra problemi di visione già prima dei tre anni di età o comunque in età scolare, come riscontrato da molti pediatri.

Prendersi cura della vista dei bambini: i difetti visivi

È importante capire se il proprio bambino riscontra delle anomalie visive, perché sarà possibile curarle velocemente. I problemi più comuni si definiscono ametropie, e consistono in cambiamenti nello sviluppo degli occhi nei neonati.

È necessaria una definizione: si definisce emmetrope o occhio normale quello in cui i raggi luminosi da una distanza infinita vanno a fuoco sulla retina. Se questa condizione non è rispettata l’occhio si definisce ametrope. L’ametropia può essere assiale (miopia e ipermetropia) e astigmatica.

I difetti visivi

L’ipermetropia è una cattiva visione da vicino. Nel bambino può essere uno stadio normale nello sviluppo dell’occhio, che alla nascita spesso è ipermetrope per poi diventare emmetrope nell’adolescenza.

La miopia invece è la scarsa visione a distanza e insorge nell’età scolare, progredisce durante la pubertà e si arresta intorno ai 20-24 anni.

L’astigmatismo invece consiste in una visione deformata: spesso è secondaria ad una anomala curvatura della cornea con cui nasce il bambino e potrebbe essere poco modificabile nel tempo. Il difetto deve essere trattato e tenuto sotto controllo in modo regolare e sarà necessario correggerlo con delle lenti specifiche.

I segnali del disturbo visivo dei bambini

Alcuni studi hanno evidenziato che un bambino su cinque ha un difetto visivo non diagnosticato. È molto importante consultare il proprio pediatra e il medico oculista per individuare subito e correggere gli eventuali disturbi.

I segnali che indicano un eventuale problema sono questi: il bambino strizza gli occhi e li strofina spesso, oppure tende a chiudere un occhio quando guarda la TV o legge un libro.

Accusa frequenti mal di testa o occhi stanchi, o trova difficile leggere alla lavagna. Potrebbe essere sensibile alla luce, o presentare delle difficoltà nell’apprendimento.

Facendo attenzione a questi segnali sarà possibile intuire l’esistenza di un problema e consultare subito un medico oculista.

Bisogna fare molta attenzione anche all’esposizione solare. I raggi UV possono causare dei danni alla vista dei bambini, anche a distanza nel tempo. È bene che i bambini trascorrano del tempo all’aria aperta, ma con la giusta protezione.

Dunque, anche in assenza di disturbi visivi, proteggete i loro occhi con occhiali da sole con lenti certificate, o se dovessero già portare degli occhiali correttivi, potrete scegliere delle lenti fotocromatiche in modo da assicurare loro un benessere visivo costante in qualunque condizione di luce.

Per consigli o suggerimenti venite a trovarci in uno dei nostri negozi: gli specialisti di GT OTTICA MODENA sapranno consigliarvi la soluzione migliore anche per il benessere visivo dei vostri bambini. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.